Pagine

venerdì 11 gennaio 2008

Cappuccino al tartufo profumato al Madeira

Cominciare una cena con un "cappuccino" è una cosa quantomai bizzarra. Io l'ho trovata un'idea assolutamente matta e proprio per questo l'ho fatta mia. Certo, non è una preparazione che si possa fare tutti i giorni (almeno a casa mia) visto l'ingrediente principe, ma stavolta avevo voglia di "strafare".

Altro non è che una vellutata di patate impreziosita dal tartufo fresco saltato in padella, aromatizzato col vino madeira e servito nelle tazze del cappuccino.

Cosa serve?
  • 1 Porro;
  • Olio evo;
  • 100 gr. ca. di Patate farinose;
  • 500 ml di Brodo di Pollo;
  • 1 vasetto di Panna (2 dl);
  • Sale + Pepe
  • 1 Tartufo (io ho usato quello nero) di ca. 50 gr.
  • 50 gr. ca. di Burro
  • 2 cucchiai di Madeira
  • Latte magro per l'effetto "cappuccino"
Del porro, va utilizzata solo la parte bianca: dopo averla lavata, tagliarla a rondelle e lasciarla stufare in un tegame a fuoco dolce con 2 cucchiai di olio ca.

Aggiungere le patate sbucciate e tagliate a dadini insieme al brodo di pollo e lasciar cuocere per 15 minuti circa o fino a quando le patate saranno morbide.

Versare la panna e frullare il tutto col minipimer fino a rendere la zuppa una crema liscissima. Se necessario, passarla al setaccio.

Spazzolare il tartufo sotto l'acqua corrente per eliminarne la terra e tagliarlo a fettine sottili con l'apposita mandolina.

In una padella, a fuoco "allegrotto" far saltare per pochi minuti le fettine di tartufo col burro. Stemperare col vino Madeira e versare il tutto nel tegame con la zuppa.

Scaldare il latte e frullarlo (al meglio con l'apposito frullino a molla) per ottenerne una schiuma abbondante e soda.

Versare a questo punto la zuppa nelle tazze del cappuccino e "decorarle" con la schiuma.


7 commenti:

Viviana ha detto...

mamma mia che bontà mik!! sei cioooppooo brava!!!! :D
scusa se mi permetto ma in quanto a scemaggine ne capsico qualocsa dato che anche sto giro ho sbagliato il post per il commento!! sì ecco si può sempre essere più sceme ah aha ha ha h un bacioooo

Mimmi ha detto...

Cara Vivi, non ti preoccupare che ti capisco fin troppo bene!
Ma com'è che noi ci sfioriamo ma non ci incontriamo mai? Prima con Düsseldorf, poi con Vienna. Prossima tappa?
Bacioni a te!
Mik

Viviana ha detto...

ecco magari la prossima volta ce lo diciamo prima così ci incontriamooooooo!!! ;D smack

Gatadaplar ha detto...

IMMA!!! Ma questa cosa qui l'ho mangiata a Capodanno!! In Val Senales!!!! :DDD
Bè, non c'era la schiuma ed era servito nella tazzina da caffè, ma secondo me c'erano tutti gli ingredienti che hai citato tu (forse loro però hanno usato il tartufo bianco) quindi.... quando riuscirò a postare il cenone di capodanno ti citerò per la ricetta!! :DDD Bacioni!

gatadaplar ha detto...

MIMMI.... che casino che faccio con i nomi... :DDD
Imma è un'altra carissima amica di blog! Scusa il "flash" :D
Ri-abbracci!

Mimmi ha detto...

Cara Gata, se la Imma che conosci tu é la stessa Imma che conosco io (ha a che fare coi cow-boys?), allora sono onorata di questo scambio di persona! Mimmenzionerai lo stesso...? ;-P
Buona giornata!
Mik

Gatadaplar ha detto...

Sì è proprio lei!!! :DDD
E sì, menzionerò la tua ricetta ugualmente :DDD
Baci!