Pagine

giovedì 5 novembre 2009

Spezzatino di Cervo al Vino Rosso

La mia giornata ieri é cominciata male, malissimo direi.

Appena svegliata (nel senso che potevo deambulare, ma i motori ancora non erano stati avviati completamente), ho notato una strana chiazza scura sul pavimento. Dopo aver recuperato il minimo di luciditá necessaria per mettere meglio a fuoco, ho notato che la macchia sul pavimento, se ci camminavo sopra, era anche in grado di emettere un rumore ahimé conosciuto: cik/ciak.

Lo sguardo, dapprima smarrito e poi sgomento, ha cominciato a scorrere lungo le finestre e fino al soffitto e constatato che, a seguito di una bella pioggia, é entrata l'acqua in salotto passando dal tetto.

Inutile a questo punto soffermarsi sulla svariata quantitá di Santi piú o meno conosciuti che nel successivo quarto d'ora ho chiamato, loro malgrado, a farmi compagnia.

Si dice che una volta passato il Santo sia finita la festa.

Nel mio caso ho voluto procedere al contrario, visto che avevo bisogno di una coccola pre-invernale che mi desse un buon motivo per farmi piacere una stagione che, quando ci si mette, é veramente puzzona!

Avevo dello spezzatino di cervo (di allevamento, sia ben chiaro!) ed ho pensato che questa fosse la giusta occasione per farmi passare le "paturnie".

Ho usato:
  • 500 gr. di Spezzatino di Cervo
  • 1 Cipolla
  • 2 Carote
  • 2 foglie di Alloro
  • 6 chiodi di Garofano
  • 1 cucchiaio scarso di Bacche di Ginepro
  • 2 cucchiaini di Pepe Nero in grani
  • 250 ml di Vino Rosso
  • Sale e Pepe

Nella pentola a pressione, ho ammorbidito con poco olio evo la cipolla tagliata a pezzettini. Ho aggiunto poi le carote e lasciato cuocere leggermente.

Ho alzato poi il calore e versato la carne, facendola indorare uniformemente. Ho bagnato col vino, versato le spezie, regolato leggermente di sale e pepe ed incoperchiato.

Dal momento del fischio, ho ridotto il calore e lasciato cuocere per 1/2 ora circa.

L'ho poi servito con dei canederli e della marmellata di mirtilli rossi



9 commenti:

Federica ha detto...

ma sai che non l'ho mai mangiato? qui poi è difficile trovarlo!!
un gran del piatto!!ciao!

lenny ha detto...

Alcuni anni fa, in montagna, ho gustato la carne di cervo e l'ho trovata dolciastra, ma non mi dispiacerebbe poterlo fare nuovamente :)
Interessante l'acompagnamento!

astrofiammante ha detto...

ciao Mimmi, grazie dell'avviso...ho già scritto una mail dato che i commenti non si aprivano...vedremo un po'...
complimenti per la ricetta!!

Vale ha detto...

Mamma mia che ricetta succulenta!!!! Sarà l'ora ma.... mi è venuta una certa fame, guardando la tua foto!!!!

Mimmi ha detto...

@ tutte voi: grazie per essere passate a trovarmi!!

@ lenny: hai ragione sul gusto dolciastro, ma i chiodi di garofano lo hanno "arrotondato"

Buona giornata a voi!!

baroz ha detto...

questa mi ispira assai.
ma dove cavolo lo trovo, qui, lo spezzatino di cervo?

Mimmi ha detto...

@ baroz: se non trovi il cervo, puoi provare col cinghiale o col castrato (non il vicino di casa, intendo il castrato quello vero!). Congelato 'n ze trova?

baroz ha detto...

non so, vivo nella terra dei maiali, qui tutto sa di maiale, comunque proverò!

Anonimo ha detto...

"di allevamento sia ben chiaro", perchè scusa quelli di allevamento si suicidano?