Pagine

lunedì 20 aprile 2009

Coscio di agnello con salsa alla menta e cipolle all'amaretto

Quest'anno la Pasqua é stata all'insegna del bel tempo (e poi dicono che in Germania piove sempre!!), delle belle passeggiate su per le colline del Taunus, della visita di mammá per una settimana, dell'aria sottile e profumata di primavera, di questo e di quello.
Quale migliore occasione per celebrare tutto ció con un piatto tipicamente pasquale (l'agnello), ma riveduto e corretto?
Ho trovato un bel cosciotto di agnello e l'ho fatto al forno con una panatura a base di menta e...

MA PROCEDIAMO CON ORDINE!!

Per il coscio d'agnello con salsa alla menta, ho usato:

  • 1 Coscio d'Agnello di circa 1,5 Kg
  • 3 fette di Pancarré
  • 1/2 cucchiaino di Aglio in polvere
  • 10 foglie di Menta (circa)
  • 1 Uovo
  • Sale e Pepe

Il pancarré, l'ho microondato al massimo della potenza per 3 minuti circa (controllando di tanto in tanto che non mi si illuminasse d'immenso e mi appuzzasse la cucina di fumo!!), per far sí che perdesse tutta l'umiditá e mi diventasse raffermo di botto.

Una volta freddato, l'ho messo a pezzettoni nel minipimer e ho aggiunto l'aglio in polvere e le foglie di menta. Frullato il tutto grossolanamente e ottenuto un pangrattato "rozzo" e aromatico che ho poi allargato su una superficie piana.

Ho salato e pepato il coscio d'agnello, massaggiandolo a fondo affinché gli aromi venissero assorbiti (nel vedere questa operazione mia madre é morta dalle risate: non capita tutti i giorni di vedere un linfodrenaggio ad un pezzo d'agnello!!).

L'uovo dopo averlo leggermente sbattuto, l'ho spennellato sulla carne, dopodiché ho adagiato il coscio sulla panatura e premuto su tutti i lati affinché le briciole aromatiche aderissero bene.

Ho preriscaldato il forno a 190° e infornato.

Il tempo di cottura non posso dirlo, perché essendo io poco incline a calcolarlo (diciamo pure che sono pigra come un'otaria stesa al sole!), mi sono munita di termometro per arrosti e lasciato a lui il compito di vegliare (approssimativamente comunque 1 ora e qualcosa).

Nel frattempo ho preparato la salsina, frullando alcune foglie di menta fresca con 1 cucchiaio abbondante di zucchero, 2 di aceto bianco, 2 di olio evo, un pizzico di sale ed una spolverata di pepe.

Una volta sfornato il coscio, l'ho tagliato a fette, ci ho versato la salsa alla menta e l'ho servito.

Come contorno, ho preparato delle cipolle all'amaretto, usando:
  • 6 Cipolle bianche
  • 100 gr. di Pangrattato
  • 12 Amarettini (se piú grandi, ridurre la quantitá)
  • 1 Uovo
  • 100 gr. di Ricotta
  • Abbondante Pecorino
  • 1 spicchio d'Aglio
  • 2 rametti di Prezzemolo
  • Sale e Pepe
  • Olio evo

Ho tuffato per una decina di minuti circa le cipolle intere, dopo averle lavate e sbucciate, in una pentola con dell'acqua salata in ebollizione. Dopo averle ripescate con una schiumarola, le ho lasciate a scolare per altrettanti minuti. Ne ho tagliato la calotta superiore di netto e svuotato l'interno, facendo sí che le cipolle diventassero delle scodelline (ho lasciato solo gli ultimi 2 involucri esterni, di modo tale da garantire una certa stabilitá al contenitore). Nel bicchiere del minipimer (Santo, Santissimo!!), ho versato le calotte con gli interni delle cipolle, gli amarettini, il prezzemolo, l'aglio, l'uovo, il pecorino e la ricotta e mescolato il tutto. Dopo aver ottenuto una pasta soda (se fosse troppo soda, si puó allungare leggermente con del latte), ho salato e pepato.

Ho riempito le cipolle con questo impasto, le ho messe in una teglia, ho versato un po' di olio evo ed infornato a 190° (praticamente mentre cuoceva l'agnello) per 30-40 minuti circa.

Vabbé che ogni scarrafone é bello a mamma sua e che l'euforia di questi giorni hanno fatto la loro buona parte, ma io trovato tutto buono!!



2 commenti:

Federica ha detto...

L'agnello non l'ho mai fatto! prima o poi dovrò decidermi a farlo... se no vengo da te ad assaggiarlo!! Scherzo!!! ciao

Mimmi ha detto...

E tu vieni, che io ti aspetto!!!
Io adoro l'agnello, non so peró se lui (l'agnello) adori me...